Corso di scrittura: Lezione n. 2

dopo la Lezione n. 1 ecco la seconda

Lezione n. 2: Romanzonzo/Raccontonzo se  li conosci lo eviti

 

In un’operazione di formazione che si rispetti e che voglia raggiungare  i suoi obiettivi più che illustrare cosa fare è più importante illustrare cosa non fare e mi riferisco alla iattura dei raccontonzi.

In qualità di massimo studioso mondiale della Poesonza e creatore della definizione (provate a digitare Poesonza sul web…) ho il piacere di esporre qui le sue caratteristiche che si possono riferire anche alla narrativa.

E’ di tutta evidenza il significato della parola: Poesia + stronza e si riferisce alle poesie pubblicate a piene mani sul web.

Da essa derivano termini poetonzo/poetonza.

Per la narrativa ne consegue il termine: Romanzonzo/Raccontonzo.

poesonza.png

Ovviamente il termine non vuole avere un significato offensivo perché si tratta di una vera malattia a carattere epidemico-infettivo per cui, qualora se ne comprendono le caratteristiche, si può facilmente sfuggire al contagio.

I sintomi principali sono:

a) Mancanza totale di autocritica: ad ogni osservazione o critica l’autore ribatte con lamenti e strepiti e la frase tipica “a me mi piace così”;

b)Nel testo abuso di immagini di fiori quali i giaggioli, i biancospini et similia;

c) Nel testo abuso di immagini di volatili quali gabbiani, rondini, passeri, colombe et similia;

d)Nel testo abuso di immagini di mare in tempesta, di pioggia o di qualsivoglia evento atmosferico sempre in modalità eccessiva; e)Tematiche abituali sono le macerazioni amorose, dubbi esistenziali, i lamenti et similia.

La frequentazione antica di numerosi siti di scrittura, le altrettanto numerose partecipazioni a meeting letterari mi inducono a cercare di teorizzare e sistematizzare il mio punto di vista espresso più volte nel corso dei vari incontri in merito alle correnti letterarie maggiormente presenti sul Web.

E’ di tutta evidenza che qualunque attività di definizione è per forza di cosa approssimativa sia perché risente della componente oggettiva sia per la limitatezza del campione oggetto di studio.

Continua a leggere “Corso di scrittura: Lezione n. 2”

Corso di Scrittura-Lezione n. 1

Prima Lezione ovvero Dialogo tra uno Scrittore di successo ed un aspirante scrittore

Scrittore: Romanzi, Raccolte di racconti, nuovi di zecca. Vuole acquistare caro amico le mie opere’

Aspirante: Potrei anche acquistarle, ma vorrei qualcosa in cambio

Scrittore: Dimmi pure, cosa vorresti ?

Aspirante: Oh illustrissimo vorrei conoscere i tuoi segreti di scrittura

Scrittore: La cosa non è tanto semplice da spiegare. Poi perché lo chiedi a me. Sul Web ci sono tanti che organizzano corsi di scrittura creativa. Digita Corsi di scrittura e ti vengono fuori pagine e pagine di proposte di corsi.?

Aspirante: Caro Maestro, ma davvero credi che questi corsi siano utili, che insegnino come si scrive un romanzo o al limite un racconto che abbia la possibilità di essere pubblicato da un editore non a pagamento, venduto ed infine trovare lettori?

Scrittore: C’è un detto che ha una sua validità, “Chi sa fare fa, chi non sa fare insegna, chi non sa insegnare insegna agli insegnanti, e chi non sa insegnare agli insegnanti fa politica”.

Aspirante: Ed allora ho fatto bene a rivolgermi a te , illustrissimo maestro

Scrittore: Mio giovane amico evita leccate, non mi impressioni con questi mezzucci. Intanto qualche consiglio te lo posso dare.

Aspirante: L’ascolto maestro.

Continua a leggere “Corso di Scrittura-Lezione n. 1”